statuette votive
dal carico di un relitto: catino con decorazioni incise e corallo grezzo
arti votivi fittili - santuario nuragico-romano de La Purissima
Particolare di sepoltura collettiva - cimitero di San Michele
Pate di pavimento a mosaico con gorgone
fusaiole nuragiche
previous arrow
next arrow
Slider

L’edificio tardogotico-rinascimentale, un tempo sede del carceretto di san Michele, ospita oggi il museo archeologico della città: un percorso espositivo che ripercorre la storia della presenza dell’uomo sul territorio, dalle più antiche testimonianze nuragiche fino al periodo fenicio-romano.

Nel cuore della città storica, la rappresentazione dei reperti è articolata attorno a tre temi fondamentali per Alghero: Il mare, I modi dell’abitare, Il mondo del sacro.

 

Dal carico di un relitto: brocche di produzione spagnola piatto marmorizzato

IL MARE

La prima sezione racconta i siti archeologici più rilevanti per il loro rapporto col mare, attraversando le fasi storiche più significative.

I MODI DELL' ABITARE

La sezione tratta i modi dell’abitare analizzando le tecniche costruttive, gli insediamenti, il rapporto con il territorio e gli aspetti della vita quotidiana nelle diverse epoche.

Villagio nuragico di Palmavera: Capanna delle riunioni con betilo-torre
Villagio nuragico di Palmavera: Capanna delle riunioni con betilo-torre

I MODI DELL' ABITARE

La sezione tratta i modi dell’abitare analizzando le tecniche costruttive, gli insediamenti, il rapporto con il territorio e gli aspetti della vita quotidiana nelle diverse epoche.

Stele funeraria di arenaria di tipo punico-romano riutilizzata in sepoltura di età imperiale

IL MONDO DEL SACRO

L’ultima sezione è dedicata al tema dei culti e della morte a partire dall’ epoca eneolitica e neolitica fino a quella romana e medievale,  illustrando la complessità dei riti, delle tipologie funerarie e dei loro simboli.

GALLERIA

Fotografie: Anna Scarpa
Chiudi il menu